Log in Register

Login to your account

Username *
Password *
Synth Patches Video Demo Lessons Forum Community - SynthCloud

Peter Gabriel Sound Pack for Roland Jupiter80

15 Patches + 3 Bonus Patches

This soundpack has been created with the aim to provide you 16 professional patches to play most famous Peter Gabriel songs.

Soundpack contains JP80 Registrations ready to play, each of it contains live sets, arpeggios and tones. 

Patch list:

  1. Red Rain
  2. Sledge Hammer
  3. Solsbury Hill
  4. Steam Intro
  5. Steam Patch
  6. Come Talk To me
  7. Big Time
  8. Dont' Give Up
  9. Shock The monkey
  10. Digging In the dirt
  11. In your Eyes
  12. On the Air
  13. Biko
  14. Mother of Violence
  15. Here Comes the flood

 

Bonus patch list:

  1. Solinas sounds alike;

  2. Shine on JP80: Pink Floyd's Classic "Shine on you Crazy Diamond" patch including layer + solo synth;

  3. Sirius JP80With this patch you will be able to play Alan Parsons's Project Sirius

 

Instructions:

1) Download your Pack;
2) Copy both files into a USB stick;
3) Put the USB stick into the JP80;
4) Using menu buttons, import the SVD file and the BIN file;
5) Play it ALOUD!

Published in Programmer
Friday, 23 January 2015 22:32

NAMM 2015 - Roland JD-Xi Synthesizer

POWERFUL COMPACT SYNTH WITH ONBOARD PATTERN SEQUENCER AND VOCAL FX
Tiny, mighty, and affordable, the JD-Xi puts a true analog synth engine, Roland’s famous SuperNATURAL synth sounds, and many other creative tools under one hood. Equipped with 37 mini keys, this compact instrument delivers fat, warm analog bass and lead tones with ample controls for hands-on tweaking, plus polyphonic PCM essentials like pads, strings, brass, and more. Create impressive loops in a flash with the pattern sequencer and built-in drum kits, and explore expressive vocal textures with the gooseneck mic, Vocoder, and AutoPitch. Small in size and large in versatility, the JD-Xi is all about big sounds and big fun!

Interactive crossover synthesizer with analog and digital sound engines
Analog synth section provides authentic lead and bass tones
Two digital synth sections with SuperNATURAL synth tones and 128-voice total polyphony
Four-track pattern sequencer and high-quality rhythm sounds
Included gooseneck mic for use with built-in Vocoder and AutoPitch
Process sounds with four simultaneous effects (Effect 1/2, Delay, Reverb)
USB for audio/MIDI communication with computer music software
Includes a large selection of ready-to-play sounds and patterns
Additional sounds and patterns available for download at Roland’s Axial sound library site

Published in News
Friday, 23 January 2015 21:59

NAMM 2015 - ROLAND AIRA MX-1

http://www.roland.com/products/mx-1/

18-CHANNEL PERFORMANCE MIXER WITH STEP-SEQUENCED FX, TRANSPORT, AND TEMPO CONTROL
The MX-1 Mix Performer brings together your synths, drum machines, loops, DAW tracks, and more into a single performance-optimized mixing instrument. Combining elements of a mixer, control surface, audio interface, and step-based effector, the MX-1 is designed to be the nerve center of your electronic music rig. It’s a mixer you can play – and so much more.

18 channel performance mixer with step-sequenced FX, transport, and tempo control
Three kinds of step-sequenced Beat FX (Filter, Side Chain, Slicer) with TR-style buttons
Six kinds of Master FX (48 variations) with large performance control knob
Beat FX and Master FX can be applied to any or all inputs; Beat FX are per channel
Combi mode rhythmically alternates the Master FX using the step-sequencer
Four AIRA Link USB ports support audio, MIDI, sync, and bus power (on Port 3) for AIRA gear
Mix mode provides six analog, one digital (stereo), four AIRA (stereo) , and two PC channels through mixer and FX
External mode provides 18 channels from DAW through mixer and FX (all inputs direct to DAW)
Control Surface mode for full DAW control via MIDI
DJ-style cue monitoring, quick mutes, and six fader curves per channel
Per-channel Tone/Filter knob with ten kinds of EQs, filters, and isolators
Transport and tempo control with fine, shuffle, and tap-tempo functions
Instantly save and recall complete setups including all FX configurations

Published in News
Friday, 23 January 2015 21:35

NAMM 2015 - ROLAND 7X7 EXPANSION FOR TR8

DRUM MACHINE EXPANSION FOR TR-8
In the mid-1980s, Roland released the now-famous TR-707 and TR-727 Rhythm Composers. Loved deeply by groove-minded musicians the world over, these machines have been the beating heart of a wide range of styles including synth pop, acid house, techno, industrial, electro, and experimental. Now, the sound of these classic rhythm machines, with every nuance accounted for, can be injected into your TR-8, taking the whole experience to an entirely new level.

Every sound of the TR-707 and TR-727 Rhythm Composers, faithfully reproduced using the original PCM wave data and detailed models of the original circuitry
Analog Circuit Behavior captures the unmistakable sound of the original units—a result of lo-fi sampling and the behavior of the analog envelope and VCA circuitry design
Adds the unique flam and accent behaviors of the TR-909 and TR-707, with adjustable flam intensity and two levels of accent
Four entirely new TR-8 sounds including modified TR-909 kick, TR-909 snare and all new clap and snap sounds
Upgrades the TR-8 to have all the sounds and articulations of four iconic TR drum machines, plus all new sounds, in one performance-ready instrument

Published in News
Saturday, 17 January 2015 17:16

ROLAND SH-201 PF COVER PACK by JudoLudo

This collection contains 12 patches for Roland SH-201, inspired by the most famous sounds of Pink Floyd and programmed by JudoLudo.

------------------------------------

PATCHES LIST:

A1. PF Brick Pad
A2. PF Any Lead
A3. PF Brain Lead
A4. PF Shine Lead
A5. PF Brick Brass Guitar Solo
A6. PF Mother Pipe Pad
A7. PF Hey U Buzz FX
A8. PF Is There AnyPad
B1. PF Brick pt.3 bouncing delay
B2. PF Learning
B3. PF Pigs Strings
B4. PF Time Synth Bass

-------------------------------------

Published in Programmer

Credits: questo tutorial è stato ispirato da un post di luizpaulobra sul forum di rolandclan.

Trovate il post originale qui http://forums.rolandclan.com/viewtopic.php?f=35&t=35737

Tempo fa mi sono trovato nella condizione di dover suonare come secondo chitarrista della band in alcuni brani, ma non avendo un amplificatore adatto ad un uso su palco mi ero adattato a collegare la chitarra ad una pedaliera effetti e di lì al mixer delle tastiere. Come soluzione provvisoria poteva andare, visto che l'impegno era sicuramente troppo limitato per considerare l'acquisto di un amplificatore adeguato, ma ovviamente non era certo il massimo della vita...

Poco tempo fa, avendo la necessità di prendere una tastiera versatile, economica e soprattutto leggera, ho acquistato una Juno-Di e, “scartabellando” in rete alla ricerca di informazioni sulla mia nuova tastiera, ho trovato il post citato sopra.

L'idea è geniale: visto che la Juno-Di ha (oltre ad un ingresso audio che viene mixato direttamente sull'output, ed è quindi utile solo per avere delle basi sulle quali suonare) un ingresso microfonico che permette di processare una voce con il vocoder ed una pletora di effetti vari, perché non provare ad applicare questi effetti al suono di una chitarra collegata all'ingresso microfonico?

Questa è una delle funzioni più declamate della sorella maggiore Juno-Gi, ma non veniva menzionata da nessuna parte per la sorellina Juno-Di.

Eppure la soluzione trovata da luiz, e che qui ho sviluppato più in dettaglio, è abbastanza semplice:

    1. Accendete la Juno-Di e collegate una chitarra (non preamplificata, trattandosi di un ingresso microfonico) al Mic Input
    2. Regolate il volume del Mic In su un valore medio-basso (poi nel caso lo aggiusterete a posteriori)
    3. Collegate la Juno-Di ad un PC o Mac con il cavo USB ed avviate il Juno editor
    4. Inizializzate una performance o partite da qualcosa di già presente in memoria, magari una performance già studiata per il vocoder (es.: il preset N. 34) oppure quella chiamata “GuitaristDi” che trovate qui (N.B. il file linkato è in formato SMF - dovete aprire il Juno-Di librarian, importarlo, e mandare alla tastiera solo i dati relativi all'utlima locazione di memoria (controllando di non sovrascrivere la performance eventualmente già presente)
    5. Se partite dalla performance di scaricata dal nostro sito, dovrebbe comparire la finestra “Mixer” con un aspetto simile a quanto mostrato in figura 1. L'esempio mostrato utilizza uno schema di lavoro nel quale prima viene applicato al suono un effetto “classico” (in questo caso un compressore) e l'output risultante viene poi inviato ad un simulatore di amplificatore per chitarra elettrica. Ovviamente voi potete scegliere qualsiasi soluzione vogliate, ma questa mi è sembrata quella di più immediata comprensione perché simula ciò che avviene nella maggior parte dei casi reali, dove la chitarra viene collegata prima ad uno o più effetti e poi all'amplificatore.

Fig. 1 - Mixer

    1. Già in questo riquadro potete vedere nella sezione MFX che sono presenti 3 effetti, dei quali il primo è il Vocoder (79) e l'ultimo è il Guitar Amp Simulator (39). L'ultimo effetto non è fondamentale (ne potete scegliere anche un altro) ma il primo deve obbligatoriamente essere il Vocoder! Subito a destra potete osservare che sono presenti anche un Chorus ed un Reverb.
    2. Cliccate ora sul tasto “Routing”, nella sezione “Perform Effects” sulla sinistra. Dovrebbe comparire una finestra simile a quella mostrata in figura 2. Questa è la parte fondamentale di tutta la procedura, perché è qui che direte alla vostra Juno di processare l'input microfonico come se fosse un multieffetto per chitarra.

Fig. 2 - Routing

  1. Notate nella parte superiore del grande riquadro centrale lo schema del percorso del suono all'interno della sezione effetti della Juno. Gli effetti sono applicati sequenzialmente da MFX 1 a MFX 3, e questo viene fatto selezionando il valore 11 sul cursore “MFX Structure” (in realtà è possibile anche usare il valore 12 che inverte MFX 2 e MFX 3, ma non c'è alcun motivo di farlo).
  2. L'altro parametro (o meglio set di parametri) fondamentale è quello immediatamente a destra: dovete selezionare come sorgente di tutti gli effetti “Perform”.
  3. Potete anche qui notare quali effetti sono stati selezionati nell'esempio, con in più alcune informazioni su valori come output level etc. per ciascuno degli effetti. Per questo riquadro, comunque, può bastare così, e si può passare all'impostazione dei singoli MFX premendi i tasti relativi a ciascuno nella sezione di sinistra (proprio sotto al tasto “Routing” che avete usato prima). Avrete così le finestre mostrate nelle figure 3 e 4 (la figura relativa a MFX 1 non è importante, perché tale effetto rimarrà impostato su 79 - VOCODER).

    Fig. 3 - MFX 2

  4. Come detto, nel nostro esempio l'effetto applicato a MFX 2 è un compressore, che ha relativamente pochi parametri. A parte la selezione dl livello di output generale, verso il chorus e verso il reverb che vedete in alto (per ora trascuriamo la parte dei controller che comparirà in un tutorial successivo) in basso vedete la regolazione dell'attacco, della soglia e del gain di uscita, insieme con un equalizzatore a due zone. Su altri effetti (o multieffetti, ci sono anche selezioni che permettono di combinare più effetti nello stesso MFX) i parametri sono spesso di più.

    Fig. 4 - MFX 3

  5. Come abbiamo scritto più indietro, lo stadio MFX 3 è un amplificatore emulato. Ne esistono di vari tipi, per questo esempio ho scelto un Marshall 1959 settando poi i parametri come Volume, Gain, Presence etc. nonché l'emulazione dello speaker (anche qui ci sono diverse scelte possibili).

Alcune note: sono presenti moltissimi effetti, dei quali trovate la descrizione sul manuale. Oltre ai classici “Distortion”, “Overdrive”, “Flanger”, “Phaser” etc. trovate anche un “AutoWah” che se regolato a dovere vi sorprenderà. Tuttavia, alcuni effetti (ad esempio alcuni digital phasers) interagiscono in maniera distruttiva con la distorsione dell'amp simulator successivo, quindi occorre fare un po' d'esperienza per trovare le combinazioni effettivamente utili. Qualcuno avrà notato che nella parte in alto delle varie finestre dell'esempio è presente una voce che indica come selezionata la patch “Vox Organ”. In effetti, sarebbe possibile anche suonare tale patch sulla tastiera insieme alla chitarra, purché siate dotati di almeno tre mani oppure la chitarra venga suonata da un vostro amico mentre voi pestate sui tasti della Juno-Di... L'utilizzo migliore però è quello di suonare parti di chitarra e tastiera alternativamente nello stesso brano senza dover cambiare performance :-)

Published in Didattica
Page 3 of 3