Log in Register

Login to your account

Username *
Password *

Create an account

Fields marked with an asterisk (*) are required.
Name *
Username *
Password *
Verify password *
Email *
Verify email *
Captcha *
Reload Captcha

Programmare su Motif XS-XF: l'ABC.


Written on Sunday, 11 January 2015 20:23
Written by  fabio

Programmare su Motif XS-XF: l'ABC.

Chi non ha mai sentito la frase: ”Programmare su Motif è complicato!”?

Forse la Yamaha Motif risulta essere meno intuitiva di altre workstation, ma appena ci si chiariscono le idee su alcune questioni, si capisce ben presto che il tutto non è complicato.

Sul lato destro della workstation in questione notiamo numerosi tasti, non facciamoci impressionare, servono per lo più come scorciatoia per selezionare una precisa voice o perform in un determinato banco senza dover necessariamente scorrere tra i vari menù, o possono essere utilizzati per esempio per “far tacere” un determinato Element. A proposito di Element chiariamo che questo non è altro che la waveform. Dunque: 1 Element = 1 Waveform.

In modalità Voice possiamo avere fino ad un massimo di 8 element.

In modalità Perform fino a 4 voice. Chiariti questi punti cerchiamo di capire come programmare un patch in modo semplice, o per lo meno nel modo che personalmente ritengo lo sia.

Prima di tutto bisogna conoscere il meglio possibile le voice “di fabbrica” e gli element che le compongono. Il metodo più veloce è cercare la (o le) voice che più si avvicinano al suono che vogliamo ottenere. Individuata la voice su cui lavorare sarà fondamentale capire quali element ci interessano e quali scartare e nel caso, quali waveform (element) aggiungere per ottenere il risultato voluto. A questo punto è fondamentale saper copiare element già debitamente programmati su altre voice: in modalità Voice selezioniamo la Voice su cui stiamo lavorando, premendo il tasto “job” selezioniamo, tra le diverse possibilità “copy”: ora basta selezionare la voice dalla quale vogliamo copiare l'element, e copiarlo nella nostra nuova voice indicando su quale element posizionarsi... il gioco è fatto!

Questa funzione ci permette di guadagnare tantissimo tempo e di ottenere la un element già pronto (o quasi) senza dover necessariamente programmare, intervenendo spesso su decine di valori.

Per modificare la voice basta premere “edit” e selezionare tramite i tasti posizionati sulla destra l'element in cui dovremo intervenire. In questa maniera possiamo modificare tutto ciò che riguarda il singolo l'element: velocity, pitch, note limit, filtri, inviluppi, equalizzazione, e chi più ne ha più ne metta. Se invece vogliamo modificare i parametri che coinvolgono tutta la voice, ad esempio gli effetti, le funzione da assegnare ai vari controllers o gli arpeggi, andiamo su “Edit” e successivamente “Common Edit”.

Tutto ciò si applica alla Motif XS ma poco dovrebbe cambiare su altri modelli, soprattutto nei più recenti .

Spero queste poche righe possano aiutare chi si avvicina per la prima volta al Motif o a chi vorrebbe farlo, ma ha paura di trovarsi di fronte una macchina troppo complicata: niente di più falso se si è dotati di una buona dose di pazienza accompagnata da tanta passione e magari prendendo il manuale (purtroppo spesso vago) come punto di riferimento.

Fabio Piras


Rate this item
(1 Vote)
Read 1504 times
Published in Didattica
Tagged under
Last modified on Sunday, 11 January 2015 21:20